Contattaci

Compila con i tuoi dati tutti i campi del form che trovi in questa pagina e sarai richiamato da un nostro consulente che ti fornirà maggiori informazioni sulle offerte che ti interessano e, se lo desideri, ti aiuterà ad aderire all'offerta.

Potrai inoltre essere sempre aggiornato sulle novità di Attiva Energia.

Il tuo nome*

Il tuo cognome*

La tua email*

Il tuo Comune*

Numero di telefono*

Inserisci la tua richiesta

Acconsento al trattamento dei dati personali.

SMS Alert

Compila con i tuoi dati tutti i campi del form che trovi in questa pagina.

Il tuo nome*

Il tuo cognome*

La tua email*

Il tuo Comune*

Numero Cliente*

Numero di telefono*

Acconsento al trattamento dei dati personali.

Offerta servizio tutela gas

servizio_tutela

CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE PER IL SERVIZIO DI TUTELA:

Il servizio di tutela garantisce  al cliente la fornitura di gas a condizioni economiche e contrattuali stabilite dall’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI) come da Delibera ARG/gas Aeeg 64/09 e delle condizioni contrattuali di cui alla delibera 229/01 e successive integrazioni e modifiche.

È rivolto a tutti i clienti domestici e ai condomini con uso domestico del gas con un consumo annuo non superiori a 200.000 Smc.

Come stabilito dalle Delibere emanate dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, il prezzo del gas applicato ai clienti finali serviti in regime di tutela è articolato in 3 voci di spesa:

1.  i servizi di rete relativi al trasporto, lo stoccaggio, la distribuzione e la misura del gas,

2. i servizi di vendita relativi alla quantità di gas consumato dal cliente finale

3 . imposte.

Il prezzo del servizio di vendita viene aggiornato ogni tre mesi dall’Autorità, le tariffe per i servizi di trasporto, distribuzione e gli altri oneri dovuti dai clienti del servizio gas sono stabiliti e aggiornati dall’Autorità

Maggiori informazioni sulle singole componenti che determinano la tariffa di fornitura del gas per il cliente finale sono disponibili  al seguente link http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_gas.htm

Le imposte comprendono l’imposta erariale di consumo, l’addizionale regionale e l’imposta sul valore aggiunto (IVA).

L’imposta erariale di consumo (accisa) per gli “usi civili” tra cui gli usi domestici è diversificata per le due macro zone Centro Nord e Centro Sud (territori ex Cassa del Mezzogiorno) e cambia sulla base di 4 scaglioni di consumo: 0-120, 120-480, 480-1560, oltre 1560 Smc.

L’imposta erariale di consumo (accisa) per gli “usi industriali” ha un’unica aliquota per i consumi fino a 200.000 Smc.

L’addizionale regionale è determinata autonomamente da ciascuna regione a statuto ordinario tenuto conto dei limiti imposti dalla normativa generale sulle imposte.

L’imposta sul valore aggiunto (IVA), calcolata sulla somma di tutte le voci della bolletta comprese le accise, è, per gli usi civili (e quindi anche per gli usi domestici) del 10% per i primi 480 mc consumati, del 22% su tutti gli altri consumi e sulle quote fisse; per i clienti con “usi industriali” è del 22%, a meno che il cliente non faccia richiesta di applicazione dell’aliquota agevolata secondo i casi previsti dalla legge.

Definizione di:

– Potere calorifico superiore (P):
Il potere calorifico superiore, rappresenta la quantità di energia contenuta in un metro cubo di gas a condizioni standard di temperatura e pressione. Indica l’energia fornita al cliente in un metro cubo standard di gas e serve per convertire il consumo di gas, espresso in metri cubi, in consumo di gas valorizzato in energia (grandezza rilevante per il cliente finale).

– Smc (standard metri cubi): Il contatore misura il gas in metri cubi (mc), ma in bolletta i consumi sono fatturati usando lo standard metro cubo (Smc), un parametro che esprime la quantità di gas contenuta in un metro cubo a condizioni di temperatura (15 C°) e di pressione (1.013,25 millibar, cioè la pressione atmosferica) standard. Gli Smc si ottengono moltiplicando i metri cubi per un coefficiente di conversione (C), definito per ogni località secondo precisi criteri.

– Coefficiente di conversione (C): È il coefficiente che converte il consumo misurato dal contatore, espresso in metri cubi, nell’unità di misura utilizzata per la fatturazione, cioè gli Standard metri cubi.La conversione con il coefficiente di conversione (C) è necessaria per far sì che tutti i clienti paghino solo per l’effettivo contenuto di energia del gas, un valore che dipende dalla pressione e dalla temperatura di consegna che variano a seconda che si tratti di una località di mare o di montagna. Ad esempio, se il consumo misurato dal contatore è 110 mc ed il valore del coefficiente C è 1,027235, gli standard metri cubi fatturati saranno: 110 x 1,027235 = 112,99585 Smc.

Attiva Energia